closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Non fu mai l’«alcaselzer della borghesia»

Dario Fo

Dario Fo

Si avvertì d’improvviso uno scoppio tanto potente da far tremare i vetri delle finestre. In pochi minuti sapemmo che a Piazza Venezia era esplosa una bomba. Franca prese il telefono e chiamò la polizia:«Sono stati i fascisti?» - chiese. «Macché fascisti e fascisti, signora»- fu la risposta sprezzante della Questura. Telefonò a Dario, che era a Milano. E così sapemmo della contemporanea bomba di Piazza Fontana, alla Banca dell'Agricoltura. Da allora, e per molti anni, il 12 dicembre divenne la scadenza principale di tutto il movimento: a ricordare la data dell’inizio della strategia del terrore. Per anni, prima di allora,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi