closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Non fa la stupida stasera…

Scaffale. «Roma è una bugia», il libro di Filippo La Porta dedicato al fascino e all'inganno, fra autobiografia e cliché d'immaginario, della città eterna

Una scena da «La grande bellezza» di Paolo Sorrentino

Una scena da «La grande bellezza» di Paolo Sorrentino

Si può riuscire a rappresentare compiutamente Roma in tutta la sua complessità? Oppure essa è unica, un enigma, una illusione dei sensi, non clonabile, umorale, incurabile, irrappresentabile, non emendabile, non riformabile in nessun modo (proprio come la natura umana)? Filippo La Porta si aggiunge con questo suo libro (Roma è una bugia, Laterza, pp.114, euro 12) a quegli autori che provano a cogliere l’anima di questa indescrivibile città. Lo fa in una maniera insolita, originale, non rinunciando al suo ampio bagaglio di critico letterario e ben consapevole che seppure in molti – e famosi – si sono cimentati in questa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi