closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Non fa la stupida stasera…

Scaffale. «Roma è una bugia», il libro di Filippo La Porta dedicato al fascino e all'inganno, fra autobiografia e cliché d'immaginario, della città eterna

Una scena da «La grande bellezza» di Paolo Sorrentino

Una scena da «La grande bellezza» di Paolo Sorrentino

Si può riuscire a rappresentare compiutamente Roma in tutta la sua complessità? Oppure essa è unica, un enigma, una illusione dei sensi, non clonabile, umorale, incurabile, irrappresentabile, non emendabile, non riformabile in nessun modo (proprio come la natura umana)? Filippo La Porta si aggiunge con questo suo libro (Roma è una bugia, Laterza, pp.114, euro 12) a quegli autori che provano a cogliere l’anima di questa indescrivibile città. Lo fa in una maniera insolita, originale, non rinunciando al suo ampio bagaglio di critico letterario e ben consapevole che seppure in molti – e famosi – si sono cimentati in questa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.