closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Nomadland e la povertà secondo il cinema

L'impaziente inglese. Paul Schrader ha detto al «New Yorker» che «Nomadland» mostra una povertà finta...

Paul Schrader - sceneggiatore di Taxi Driver e Toro scatenato e regista di Mishima e First Reformed - ha detto al New Yorker che Nomadland mostra una povertà finta. Ha spiegato in un post sui social che “i personaggi fingono di essere poveri. Se si trattasse di un film sulla povertà vera sarebbe inguardabile… La povertà vera è cupa, senza fine e implacabile. L'unico modo per renderla drammatica è di dare un finale positivo ma in realtà non c’è una risoluzione positiva". Molti critici sono d'accordo con Schrader e il film di Chloé Zhao è stato criticato anche per il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi