closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Nomadland e la povertà secondo il cinema

L'impaziente inglese. Paul Schrader ha detto al «New Yorker» che «Nomadland» mostra una povertà finta...

Paul Schrader - sceneggiatore di Taxi Driver e Toro scatenato e regista di Mishima e First Reformed - ha detto al New Yorker che Nomadland mostra una povertà finta. Ha spiegato in un post sui social che “i personaggi fingono di essere poveri. Se si trattasse di un film sulla povertà vera sarebbe inguardabile… La povertà vera è cupa, senza fine e implacabile. L'unico modo per renderla drammatica è di dare un finale positivo ma in realtà non c’è una risoluzione positiva". Molti critici sono d'accordo con Schrader e il film di Chloé Zhao è stato criticato anche per il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.