closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Noir, lettura criminale della globalizzazione

Benedetto Vecchi, un anno dopo. Il suo intento era costruire un’elaborazione teorica «altra», per dare senso a un percorso narrativo in cui fosse esplicita la critica radicale allo stato di cose esistenti

Il primo anniversario della scomparsa di Benedetto Vecchi è l’occasione giusta per raccontare il suo ruolo di instancabile animatore culturale «anche» nella narrativa di genere di questo Paese. Ovviamente, da sinistra, ne aveva colto le potenzialità di racconto sociale ma non era l’unico motivo che lo spingeva a recensire puntualmente i romanzi degli autori italiani, che riteneva interessanti, o a promuovere le iniziative estive di pubblicazione di racconti. Il suo intento principale era rendere possibile lo sviluppo di un dibattito necessario alla creazione di un’elaborazione teorica «altra», per dare senso e struttura a un percorso narrativo in cui fosse esplicita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi