closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Noi, i partigiani del lavoro»

Democrack. Da Sel e ex Pd nasce Sinistra italiana, il nuovo inizio «aperto e popolare». Molti restano fuori dal teatro, e così i comizi si duplicano per strada. D’Attorre a Bersani: «Proseguire nel Pd ormai è impossibile». Fassina: «Chi aiuta la destra, noi o Renzi che fa il programma di Berlusconi?»

I deputati e i senatori del nuovo gruppo Sinistra italiana, ieri sul palco del teatro Quirino

I deputati e i senatori del nuovo gruppo Sinistra italiana, ieri sul palco del teatro Quirino

La «cosa rossa» va in soffitta, ora un nome c’è, è «Sinistra italiana». Sulla rete suona vintage invece «è semplice, plurale, espressivo», spiega Alfredo D’Attorre al Teatro Quirino di Roma dove ieri si presentano i nuovi gruppi parlamentari. Teatro troppo pieno, i pompieri a un certo punto chiudono gli accessi. Ma a mezzogiorno le centinaia di persone restate fuori battono sulle porte al ritmo di «Bella ciao». Stefano Fassina, Nicola Fratoianni, Arturo Scotto, D’Attorre e il giovane Marco Furfaro corrono ai ripari: escono in strada e improvvisano un doppione dei loro comizi «per non deludere i compagni» venuti anche da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi