closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

«Noi, driver per Amazon senza soste. Ora basta, vogliamo essere ascoltati»

Lo Sciopero. Molti di loro sono over 50 colpiti dalla crisi. «Il premio di produzione? Ora è una spilletta». «Siamo dipendenti di una ditta che opera solo Prime, con la pandemia ritmi raddoppiati»

Un camion all'ingresso del magazzino Amazon di Rgoredo (Milano)

Un camion all'ingresso del magazzino Amazon di Rgoredo (Milano)

«È l’unico lavoro che si trova in giro». Natascia, Andrei, Marco e Dario fanno i «driver». Un lavoro che suona nuovo ma è figlio della crisi. Tutti si sono ritrovati a «guidare un furgone e portare i pacchi Amazon Prime a casa di chi li ordina online dopo un licenziamento o un fallimento della loro attività precedente. Natascia faceva la cameriera, Andrei ha 31 anni e prima faceva il barman, Dario ha 57 anni e aveva un negozio Buffetti in pieno centro. Lavorano a Roma. Sono saliti a Passo Corese al presidio regionale dei sindacati per il loro primo sciopero:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi