closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

No Tav, notte di scontri contro i nuovi cantieri Telt

Val di Susa. Cinque attivisti si barricano all’interno di una struttura abbandonata

Il messaggio che è incominciato a girare nella serata di lunedì aveva il sapore di déjà vu: «Attenzione! Pare che lo sgombero di San Didero sia tra poco. Nella ditta che ha vinto l'appalto ci sono camion carichi di recinzioni e l'ingresso della A32 è pieno di camionette. Chi può raggiunga il presidio subito!». Ancora una volta di notte, ancora una volta una colonna di lampeggianti. Questa volta a San Didero nella bassa valle, dove Telt, la società che si occupa della sezione transfrontaliera della Torino-Lione, vuole trasferire l’autoporto di Susa, per fare spazio là a nuovi cantieri del Tav...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi