closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

No Tav, l’attivista ferita conferma: è stato un lacrimogeno

Il dilemma lo ha risolto lei stessa in un video diffuso dal movimento No Tav. «Sono stata colpita da un lacrimogeno», dice, da un letto di ospedale, Giovanna Saraceno, l’attivista ferita al volto e ricoverata dal 18 aprile alle Molinette di Torino con trauma cranico, due emorragie cerebrali e fratture multiple al volto. Un fatto, quello del ferimento a causa di un lacrimogeno, negato dalle forze dell’ordine, che hanno sostenuto come sia «impossibile» che le ferite riportate siano state provocate dal getto di un candelotto. L’accusa del movimento è che, invece, i lacrimogeni a base di Cs siano stati lanciati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.