closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

No nuke, le mille e una scoria

Tanto tempo fa, ma non così tanto, in Italia, un ingegnere napoletano di nome Felice Ippolito si mise in testa di fare buon impiego dell’energia nucleare per usi civili, sotto il controllo dello Stato. Come “capitano di ventura” raggiunse una notevole fama essendo a capo, prima del Cnrn (Comitato nazionale ricerche nucleari) e poi del Cnen (Comitato nazionale energia nucleare che nel 1960 ne prese il posto), per poi mancare di un soffio la presidenza del neonato Enel. Ma, proprio come nelle favole e nelle storie avventurose, si fece molti nemici e finì in disgrazia per trenta lunghi anni fino...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi