closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

No di Tsipras alle larghe intese

Grecia. Lasciano Sakellaridis e Stathis Panagoulis (fratello di Alekos). Il premier greco punta ora al taglio del debito. Ma c’è l’incubo pensioni

Il governo di Alexis Tsipras è riuscito a far approvare le nuove misure imposte dai creditori in modo da dare luce verde alla tranche di aiuti di 2 miliardi di euro a cui si aggiungono i 10 miliardi che dovranno essere utilizzati per la ricapitalizzazione delle banche. I contraccolpi politici, tuttavia, non sono mancati. Tre deputati della maggioranza non hanno voluto dare il loro sostegno e il governo, ora, può contare su 153 voti su un totale di trecento membri della Voulì, il parlamento di Atene. Tra questi c’è Gavriìl Sakellarìdis. Il giovane ex portavoce del governo aveva già informato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi