closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

No al reddito di base: sfuma il «sogno marxista» della Svizzera

Referendum . Il 78% dei cittadini e la maggioranza dei cantoni elvetici vota contro l'iniziativa per la Rbi. Vincono invece i «sì» a procedure più veloci e meno costose per le richieste d’asilo

Il «sogno marxista» della Svizzera, come lo hanno chiamato i media locali e non, è naufragato nel voto referendario di ieri. I cittadini, ma soprattutto i cantoni elvetici hanno detto no al «reddito di base incondizionato» (Rbi), una proposta avanzata da un gruppo di movimenti indipendenti e di sinistra contro la quale si erano schierati governo e parlamento. Vince invece il pragmatismo riformista, con il sì a procedure più rapide e meno costose per le richieste d’asilo e la modifica della legge sulla procreazione medicalmente assistita che autorizza la diagnosi preimpianto. Con il 66% dei consensi circa, viene approvata dunque...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.