closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Nigeria, stragi e sequestri di massa in serie. Autorità «in imbarazzo»

Dal jihadismo al "banditismo". Ancora trenta studenti rapiti nello stato di Kaduna e trenta vittime di massacri nel centro e nel nord-ovest del Paese. L'opposizione denuncia: «Situazione insostenibile»

Il Federal College of Forestry Mechanization di Mando dopo il raid dei

Il Federal College of Forestry Mechanization di Mando dopo il raid dei "banditi"

«Una situazione insostenibile e una spirale di violenza e rapimenti che il presidente Buhari non riesce a fermare, ma che, al contrario, si sta espandendo dalle violenze jihadiste di Boko Haram nel nord-est a quelle dei gruppi di "banditi" negli stati centro-settentrionali, mettendo a rischio la vita di civili e studenti». Con questa dichiarazione Atiku Abubakar, leader del Partito democratico popolare (Pdp), principale partito di opposizione, ha accusato l’inerzia del presidente Muhammadu Buhari e la difficile situazione legata alla sicurezza in Nigeria. Ieri un gruppo di oltre cento «banditi» (come vengono chiamati dalle autorità nigeriane) hanno preso d'assalto l’ennesima scuola,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi