closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Niente Erasmus, siamo inglesi. Studenti a casa, nell’era Brexit

Gran Bretagna. Bocciata la mozione presentata dai Libdem, Scottish National Party e Verdi per mantenere il programma nell’accordo di uscita del Paese dall'Ue. Il ministro dell’istruzione Gavin Williamson, quelli della scuola Nick Gibb e dell’università Chris Skidmore, hanno tutti votato contro. Nel 2017 gli studenti britannici che hanno studiato all’estero erano 16.561. Quelli europei ospiti 31.727

Londra, proteste degli studenti Erasmus

Londra, proteste degli studenti Erasmus

Niente Erasmus, siamo inglesi. L’elogio della follia tessuto nella Gran Bretagna dell’era Brexit fa la sua prima illustre vittima. Il progetto omonimo, l’ormai leggendario programma d’interscambio accademico che continua a formare generazioni di studenti europei offrendo loro un’indispensabile esperienza di studio e ricerca in un Paese altro da quello di provenienza, scompare dall’orizzonte degli studenti britannici. Mercoledì la sua attuale incarnazione, Erasmus+, non ha ottenuto i voti sufficienti perché fosse mantenuta nella legge sull’accordo di uscita del Paese dall’Ue, prevista per il 31 gennaio prossimo. La mozione presentata dai Libdem, Scottish National Party e Verdi circa una clausola che puntava...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.