closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«New Fragility», nell’atmosfera degli Stati uniti di Trump

Note sparse. Il nuovo album di Alec Ounsworth e dei suoi Clap Your Hands Say Yeah

Clap your hands Say Yeah

Clap your hands Say Yeah

Alec Ounsworth ha sempre fatto a modo suo. Tutta la sua carriera con i Clap Your Hands Say Yeah (e quella da solista) è stata sempre improntata all’indipendenza nella realizzazione e nella distribuzione dei suoi lavori. E anche oggi che è rimasto l’unico membro della band, quest’ultimo album, New Fragility, non fa eccezione. Sono state proprio l’indipendenza e l’autonomia a segnare il suo successo 15 anni fa, con l’album omonimo, e a fargli guadagnare un posto d’onore nello scenario dell’indie rock. QUESTO nuovo lavoro rimanda in modo diretto, per suoni e atmosfere, a quel primo disco, ma con una novità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi