closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Netanyahu nel solco del colono Levinger: «Gerusalemme è solo di Israele»

Territori Occupati. In linea con il rabbino estremista morto sabato scorso a Hebron, il premier israeliano esclude compromessi sul futuro della Città Santa che intende mantenere unita sotto la totale sovranità israeliana. Domenica migliaia di nazionalisti hanno sfilato in segno di sfida nella zona araba della città nel "Giorno di Gerusalemme"

Gerusalemme, nazionalisti israeliani manifestano davanti alla Porta di Damasco

Gerusalemme, nazionalisti israeliani manifestano davanti alla Porta di Damasco

«Non ci spaventa passeggiare per Hebron, perché gli arabi (i palestinesi) sanno che non facciamo concessioni. Dopo ogni incidente reagiamo nel modo giusto». A queste parole, pronunciate nel 1991, seguivano le immagini del rabbino Moshe Levinger che sparava con una pistola. Era questo lo spot elettorale del partito di estrema destra "Terra e Torah", guidato dallo stesso Levinger, il primo colono israeliano ed entrare in Cisgiordania pochi mesi dopo l'occupazione militare nel giugno del 1967. Quel testo e quelle immagini rappresentavano alla perfezione un uomo che, con la mitraglietta Uzi sempre a portata di mano, ha creduto fino alla sua...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.