closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Nessuna Intifada

Intervista. 47 anni fa l’occupazione israeliana di Gaza e Cisgiordania. Ma ora neoliberismo e consumismo favoriscono tra i palestinesi l’individualismo, allentando la lotta per la libertà e l’autodeterminazione. Intervista al sociologo Jamil Hilal

Gaza, campo profughi di Shati

Gaza, campo profughi di Shati

I palestinesi commemorano un nuovo anniversario dell’occupazione militare israeliana. Non è un rituale. I primi di giugno di ogni anno, dal lontano 1967, quando Israele catturò durante la Guerra dei Sei Giorni Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme est (oltre al Golan siriano e al Sinai egiziano poi restituito), sono l’occasione per valutazioni e riflessioni. Sui passati 47 anni e soprattutto sul futuro e la possibilità di raggiungere la libertà e la piena autodeterminazione. Tra i temi in dicussione, anche tra gli analisti israeliani, c’è il possibile inizio di una terza Intifada palestinese. Ne abbiamo parlato con il sociologo Jamil Hilal, ricercatore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi