closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Nemmouche, una tragica storia francese

Attacco al Museo ebraico di Bruxelles. In Francia arrestato un sospetto, da tre giorni in stato di fermo. Lupo solitario o pedina di un ingranaggio? Mehdi Nemmouche, che è stato quasi un anno mezzo a combattere in Siria con il gruppo Stato islamico in Iraq e nel Levante, non parla. Sarà estradato in Belgio. Si sarebbe radicalizzato in carcere in Francia. Allarme in Europa per gli islamisti che vanno a combattere in Siria: tra 3mila e 11mila europei avrebbero partecipato alla guerra a fianco dei ribelli, nei gruppi più radicali. I servizi in allerta al loro rientro in Europa

Mehdi Nemmouche, 29 anni, nato a Roubaix (Nord), era ieri al terzo giorno in stato di fermo, accusato di essere l’autore del massacro del 24 maggio scorso al Museo Ebraico di Bruxelles, dove tre persone sono state uccise (una coppia di turisti israeliani e una francese) mentre una quarta (un giovane impiegato belga) è in stato di coma. Il Belgio ha chiesto l’estradizione. Nemmouche non parla, ma nel bagaglio che aveva con sé sul pullman delle Eurolines Amsterdam-Marsiglia, che aveva preso per rientrare in Francia da Bruxelles, aveva delle armi, una video-camera e un video registrato, dove spiegava il suo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.