closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nell’oscurità del reale per dare nuova forma alla distanza: «Il buco»

Venezia 78. Presentata in concorso l’opera tra documentario e fiction di Michelangelo Frammartino: il regista calabrese si cala nelle profondità della terra scegliendo un taglio filosofico, emotivo, sensoriale

Il buco è l'Abisso del Bifurto, scoperto nel 1961 dal Gruppo Speleologico, alcuni giovani speleologi piemontesi che avevano attraversato l'Italia per arrivare sull'altopiano del Pollino, al confine tra la Calabria e la Basilicata, e guidati da Giulio Gècchele si erano inabissati nel cuore della terra in cerca di quella che si rivelerà una delle grotte più profonde al mondo (700 metri). Ma il nuovo film di Michelangelo Frammartino, il più sorprendente finora del concorso veneziano, non è il semplice biopic di un'impresa nella quale si riflette un po' dell'Italia del tempo, gli anni del boom economico che ambivano a una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.