closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nell’inferno dell’omofobia l’epidemia delle coscienze

Serial. Ambientati nella Londra anni ’80 i cinque episodi di «It’s a Sin» che raccontano l’avvento dell’Aids nel Regno unito. Prossimamente su Starzplay

Sonorità sintetiche, giacche con le spalline, maglioncini in mohair, trucco e capigliature eccessive: ci sono tutti gli ingredienti iconici della Londra anni Ottanta in It’s a Sin, miniserie in 5 puntate scritta e prodotta da Russel T Davies per Channel 4/HBO Max, presentata alla Berlinale 2021, il cui arrivo in Italia è stato infine annunciato da Starzplay. Ma c’è molto di più in questo lussureggiante period drama perché Davies, affermatosi con prodotti televisivi briosi su personaggi GLBT come Queer As Folk, questa volta ha applicato la sua verve creativa a una narrazione corale e accorata sull’avvento dell’Aids nel Regno Unito....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.