closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nell’inferno dell’omofobia l’epidemia delle coscienze

Serial. Ambientati nella Londra anni ’80 i cinque episodi di «It’s a Sin» che raccontano l’avvento dell’Aids nel Regno unito. Prossimamente su Starzplay

Sonorità sintetiche, giacche con le spalline, maglioncini in mohair, trucco e capigliature eccessive: ci sono tutti gli ingredienti iconici della Londra anni Ottanta in It’s a Sin, miniserie in 5 puntate scritta e prodotta da Russel T Davies per Channel 4/HBO Max, presentata alla Berlinale 2021, il cui arrivo in Italia è stato infine annunciato da Starzplay. Ma c’è molto di più in questo lussureggiante period drama perché Davies, affermatosi con prodotti televisivi briosi su personaggi GLBT come Queer As Folk, questa volta ha applicato la sua verve creativa a una narrazione corale e accorata sull’avvento dell’Aids nel Regno Unito....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi