closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Nell’egoismo il motore di esistenze dimenticate

Narrativa giapponese. Paradigmatico della abilità di Yoshida Shuichi nel trasformare l’indole della lost generation in romanzo, «L’uomo che voleva uccidermi», (Feltrinelli) è costruito come un giallo ma è, in realtà, un’esplorazione della natura umana

Nobuyoshi Araki,  «Geisha Sitting Down with Hands Tied», 2007

Nobuyoshi Araki, «Geisha Sitting Down with Hands Tied», 2007

In una delle «lezioni» del suo Corso di educazione immorale, Mishima Yukio afferma che, più che i veri malvagi di professione sono spesso le persone oneste: sono i pavidi o i vigliacchi a compiere i peggiori misfatti. Lungi dall’essere premeditati, molti crimini sono il frutto repentino di scatti d’ira o dell’incapacità di resistere a una tentazione momentanea; sono indotti, in sostanza, dall’ambiente o dalle circostanze, e non accuratamente pianificati da una mente scellerata. Per Mishima questa considerazione fa da spunto a una riflessione sull’opportunità di dedicarsi a più azioni immorali invece che a una sola, così che tra esse si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi