closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Nelle guerre di ieri la spiegazione delle violenze di oggi in Congo

Cronologia di sangue. La verità senza giustizia del «Rapporto Mapping», redatto 10 anni fa dalle Nazioni unite sui crimini commessi nella Repubblica democratica del Congo tra il marzo 1993 e il giugno 2003

Un miliziano del gruppo ribelle armato M-23 nel Nord Kivu

Un miliziano del gruppo ribelle armato M-23 nel Nord Kivu

La tragica morte dell'ambasciatore Attanasio ha portato al centro delle cronache il Congo, le sue risorse e i suoi drammi. Ma se si vuole onorare la memoria dell'ambasciatore Luca, come lo chiamavano affettuosamente, del carabiniere Vittorio Iacovacci e dell'autista Mustapha Milambo il Congo dovrebbe rimanere al centro dell'agenda politica europea. PUNTO DI PARTENZA rimane il «Rapporto Mapping» redatto 10 anni fa dalle Nazioni unite sulle violazioni dei diritti umani commesse nella Repubblica democratica del Congo tra il marzo 1993 e il giugno 2003. Un documento decisivo che denuncia la violenza nei confronti di oltre 40mila donne, definisce i contorni in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi