closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nell’albergo dell’amore il racconto del Giappone

Al cinema. «Tokyo Love Hotel», tra i pink eiga e le stanze a ore Hiroki Ryuichi racconta la precarietà proibita del tempo presente

Racconta Hiroki Ryuchi che per girare questo film è stata indispensabile l’esperienza nel pink eiga, il porno softcore giapponese, specie per la velocità dell’esecuzione - « I pink eiga venivano realizzati in tre o quattro giorni al massimo, giravamo sempre nella stanza di un love hotel, dal momento che c’erano molte scene di sesso».     Tokyo Love Hotel (doppiaggio piuttosto improbabile) è stato realizzato in due settimane, quella dei pink del resto è stata una scuola importante per molti grandi registi del cinema giapponese pensiamo a Wakamatsu o a Zeze Takahisa. Questioni di tecnica, certo, ma soprattutto di allenamento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.