closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Nella tragedia di Mottarone avidità e voglia di correre

Stresa. Ora è il momento della «ricostruzione». C’è una gran fretta, insofferenza e contrarietà verso tutto ciò che evochi rispetto delle regole, controlli e responsabilità

Trascuratezza ed avidità stanno dietro tutti i crolli e gli eventi luttuosi che funestano, con cadenza costante, il nostro paese. L’elenco è lungo. La funivia Stresa – Mottarone e il ponte Morandi sono gli ultimi di una lunga serie. È difficile tenere il conto di quanti ponti, viadotti, case, ospedali, scuole si sono sbriciolati al suolo negli ultimi decenni. Anche quando si tratta di calamità naturali (frane, alluvioni, ecc.) con perdite di vite umane, spesso c’è di mezzo l’incuria e fa sempre capolino il dio denaro. Nella strage del Mottarone è un dato di fatto che non sia stata fermata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi