closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Nella terra di mezzo di politiche antitetiche

NOVECENTO. «Dal rosso al nero» di Roberto Della Seta, edito da Franco Angeli. A partire dai laboratori continentali di Francia e Italia, cento anni di socialisti e comunisti passati a destra. Dagli intellettuali della Collaborazione negli anni Quaranta al berlusconismo, un’indagine sull’uso ambiguo del riferimento alla «rivoluzione», sospeso tra «classe» e «nazione»

Particolare da un’opera dell’artista statunitense John Grade esposta a Seattle

Particolare da un’opera dell’artista statunitense John Grade esposta a Seattle

Fin troppo banale identificare secche linee di compromissione, quindi immediati coni d’ombra, nelle quali i significati originari si svuotano di senso, per poi lasciare spazio ad un sorta di terra di nessuno. Soprattutto se ci si riferisce a quello che oggi, con termine spesso improprio, definiamo come «rossobrunismo», ossia quell’insieme di convincimenti che nel nome della solidarietà collettiva legano i temi dell’emancipazione sociale alle sensibilità più proprie del nazionalismo esasperato, fino a trascendere nella legittimazione dei fenomeni fascisti per come si sono concretamente manifestati nel Ventesimo secolo. UNA GENEALOGIA, a tale riguardo, rischia di rivelarsi molto incerta se non fallace....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.