closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Nella «Passione» di Bach il tempo della nostra spiritualità»

Musica. Antonio Pappano racconta il suo nuovo passaggio nel repertorio sacro del musicista. In scena a Roma

Antonio Pappano

Antonio Pappano

La centralità dell’elemento spirituale è una preoccupazione costante nei programmi che Antonio Pappano ha messo a punto a Roma, sin dalla prima sua stagione come direttore musicale a Santa Cecilia: Britten, Bruckner, Honegger, Beethoven, e in senso più ampio Mahler e Henze e naturalmente J.S. Bach. Affrontare i capolavori sacri bachiani con una grande orchestra e un coro celebre e antichissimo offre, oltre alle riflessioni sul trascendente,un banco di prova fondamentale per la quadratura e la qualità di una compagine contemporanea. Specie dopo decenni in cui importanti ensemble hanno fissato i canoni, peraltro in costante evoluzione, dell’interpretazione del repertorio barocco...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi