closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Nella città informale degli schiavi

Il REPORTAGE. La tenda-bar, la baracca-macelleria e persino una moschea e una ciclofficina tra polvere e rifiuti

Il bar dov’è stato ucciso Sekine Traorè è stato messo in piedi in una delle tende azzurre con la scritta «Ministero dell’Interno». Dall’ingresso principale della baraccopoli di San Ferdinando ci si arriva voltando a sinistra dopo aver superato una macchia di bruciato che è tutto quel che rimane di un’altra tenda, carbonizzata dall’esplosione di una bombola del gas, più avanti, una bancarella improvvisata di abbigliamento. Alcuni immigrati - come il ventisettenne maliano ucciso da un carabiniere l’altra mattina - vi trascorrono intere giornate, bevendo alcol di pessima qualità e a volte inveendo contro la sorte che li ha costretti ad...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.