closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Nella battaglia di Farah, contro i Talebani anche elicotteri italiani

Afghanistan. Per 22 ore pesanti scontri con le forze di sicurezza dopo che i Talebani avevano assaltato la città. Alla fine prevale Kabul ma la stampa dà per certa la partecipazione di italiani e americani

Soldati italiani in volo su Herat in una foto di archivio

Soldati italiani in volo su Herat in una foto di archivio

Bombe, attentati, scontri prolungati. In Afghanistan si combatte e si muore in quasi tutte le province. Una prassi ordinaria, affrontata dai civili con crescente preoccupazione. Quel che è accaduto martedì a Farah, capoluogo dell’omonima provincia al confine con l’Iran, ha però un significato particolare. I Talebani hanno assaltato la città alle prime luci dell’alba. Gli scontri con le forze di sicurezza sono andati avanti per ventidue ore. Per tutta la giornata, sui social network si sono alternati dati, immagini e video di propaganda. Da una parte i Talebani, che mostravano di avere il controllo di piazze e strade; dall’altra il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi