closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Nel nuovo Afghanistan si aspettano tempi peggiori

Missione incompiuta. Ondata di omicidi mirati che nessuno rivendica. E i Talebani dopo la «pace» hanno intensificato l'offensiva. L’accordo chiuso dall’inviato di Trump confermato da Biden mostra tutti i suoi limiti

Una donna chiede l’elemosina in una strada di Kabul nel giorno della festa islamica dell’Eid-el-Fitr

Una donna chiede l’elemosina in una strada di Kabul nel giorno della festa islamica dell’Eid-el-Fitr

«Ci aspettiamo giorni peggiori». Timur Hakimyar, direttore della Foundation for Culture and Civil Society e nostro abituale interlocutore a Kabul, prevede tempi bui. Per Najia Ayoubi «sono tempi confusi, opachi, in cui non è chiaro chi faccia cosa». Ayoubi è la direttrice di The Killid Radio, rete di radio indipendenti con sedi in 8 province. Dice di sentirsi in pericolo. «È la prima volta in vent’anni che mi sento veramente minacciata. Me e i miei colleghi». GIORNALISTI E GIORNALISTE, attivisti, membri della società civile, giudici, funzionari governativi. Sono tanti gli omicidi mirati degli ultimi mesi. Una strategia deliberata che serve...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi