closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nel groove di un’Africa immaginaria

Note sparse. Un'architettura spericolata ad opera dei talentuosi Maistah Aphrica

Maistah Aphrica

Maistah Aphrica

«Cerco un po’ d’Africa in giardino, tra l’oleandro e il baobab»: nulla a che vedere con Azzurro, molto con un continente pulsante sugli spartiti di library music, mitologico e iperreale, come quello ritmato dagli sfrenati rituali dionisiaci dei Maistah Aphrica, ottetto giunto al secondo disco dopo il folgorante esordio autoprodotto. Paganini evidentemente in Friuli-Venezia Giulia ripete: ecco allora di nuovo un sound ed un’architettura spericolati, esotici e familiari, caleidoscopici, ballabili e mai banali, zuppi di groove e di personalità. Un’Africa immaginata da chi in Africa non è mai stato, come suggerisce il nome della band: territorio fisico e mentale dunque,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.