closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Nel futuro con la bussola delle disuguaglianze

Next Generation Eu. Il Recovery Fund ci pone di fronte alla scomoda domanda: «chi desideriamo essere?» Non solo o non tanto come individui, ma come collettività organizzata

Milano, una famiglia sfrattata trova riparo sotto un ponte (24/04/2020)

Milano, una famiglia sfrattata trova riparo sotto un ponte (24/04/2020)

Non è facile ammettere che il Recovery Fund ci obbliga a occuparci del nostro futuro e, soprattutto, ci chiede di fare conti con le implicazioni che questo, come fatto sociale e culturale, comporta per il nostro vivere in comune. Il Recovery Fund ci pone di fronte alla scomoda domanda: «chi desideriamo essere?» Non solo o non tanto come individui, ma come collettività organizzata. Il timore più grande non è per il «futuro incerto», ma anzitutto per le condizioni necessarie a immaginare un futuro condiviso. Condizioni che obbligano a chiederci con chi costruire il futuro, attraverso quali conflitti, per il tramite...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi