closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I filorussi: sì al cessate il fuoco. Fino a venerdì.

Ucraina. L’accusa di Poroshenko: «In 24 ore violato 20 volte». I filorussi: «Se l’esercito non se ne va, non ci disarmiamo»

Miliziano ucraino a Kiev

Miliziano ucraino a Kiev

Una piccola svolta, condita da molti dubbi: ieri i filorussi hanno annunciato di accettare il cessate il fuoco fino a venerdì, purché anche l’esercito ucraino si adegui alla nuova situazione. Dal giorno – venerdì scorso - dell’annuncio del cessate il fuoco unilaterale del neo presidente ucraino Poroshenko, la tensione non era calata, anzi. Si è continuato a combattere, dimostrando che al di là degli slogan, un reale processo politico capace di condurre al termine della guerra civile non è ancora stato avviato (sebbene nella serata di ieri le agenzie russe abbiano diffuso la notizia di un incontro tra Kiev -...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi