closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Nel campo profughi sotto il cielo degli ultimi

Intervista. Un incontro con il fotoreporter bengalese K M Asad, in mostra a Siena con la sequenza «Rohingya Exodus»

Dalla serie «Rohingya Exodus» (2017)

Dalla serie «Rohingya Exodus» (2017)

Uno scambio di sguardi che va oltre il momento, quello tra il fotografo e la bambina, tra la bambina e l’osservatore. Occhi chiari come le acque di Lomba Bill nel distretto di Teknaf (Cox’s Bazar) nel sud del Bangladesh, sulla stretta striscia lungo la costa del Myanmar, che solo nel 2017 è stata attraversata da centinaia di migliaia di rifugiati Rohingya. Le lacrime scorrono silenziose sul volto di quella bambina, come il silenzio della leader birmana e premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi di fronte al genocidio che si sta perpetrando nel suo paese nei confronti della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi