closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nel bosco delle fate per sfuggire alla seduzione della parola

Cinema. Variazione sulla fiaba, il nuovo film di Arrietta «Belle Dormant» ne reinventa una versione in forma di movimento. Il ritorno del cineasta spagnolo oltralpe è subito divenuto un evento

La favola è nota. Ma le versioni abbondano. Più o meno complesse, tutte fanno immancabilmente riferimento ad un certo numero di invarianti: un re saggio, un principe azzurro, delle fate, alcune cattive, altre buone, infine, ovviamente, una bella - sempre addormentata. È proprio studiando questi attributi fissi che il film di Ado Arrietta inventa la propria versione. Non tanto per fedeltà al racconto - che il regista spagnolo sposta nel 2000 - piuttosto per metterne in evidenza il paradosso. Da subito, sappiamo cosa accadrà. Non c'è dubbio che la bella si pungerà le dita con il fuso di un arcolaio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.