closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Nel 2020 spese militari globali cresciute del 2,6%

Sipri. Il rapporto dell’International Peace Research Institute di Stoccolma conferma Stati uniti e Cina in testa nella classifica mondiale

La pandemia non ha frenato la spesa militare. Nel 2020, mentre medici e infermieri negli ospedali di ogni angolo del mondo lottavano per salvare la vita dei malati di Covid, in molti casi senza avere i respiratori per le unità di terapia intensiva, i governi di molti paesi investivano 1981 miliardi di dollari per comprare altre armi, con un aumento del 2,6% rispetto al 2019. Lo rivelano i dati contenuti nell’ultimo rapporto diffuso ieri dall’International Peace Research Institute di Stoccolma (Sipri) che segue e registra vendite ed acquisti nel mondo di cacciabombardieri, carri armati, droni, sistemi missilistici, armi leggere e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi