closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Nel 2020 dall’Italia 34,6 miliardi di sussidi dannosi elargiti alle aziende fossili

Rapporto Legambiente. Energia, trasporti, edilizia e agricoltura sono i fondi che inquinano con i fondi pubblici. Stefano Ciafani: chiudere da subito un problema ambientale, sociale e economico

Ammontano a 34,6 miliardi di euro i sussidi dannosi per l’ambiente concessi in Italia nel 2020 ai settori energia, trasporti, agricoltura ed edilizia. Sono sussidi che vanno progressivamente tagliati o rimodulati entro il 2030, a partire dalla prossima legge di Bilancio. A denunciarlo è, per l’ennesima volta, l’associazione Legambiente, che è andata a spulciare ben 51 voci di spesa individuando un fiume di denaro che lo Stato versa per supportare attività che danneggiano l’ambiente e che andrebbe dirottato altrove per far decollare le fonti rinnovabili e decarbonizzare l’atmosfera. Si tratta di sconti ai petrolieri, royalties inadeguate, generose concessioni all’industria automobilistica,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.