closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nei tre volti di donna lo sguardo su Storia e presente

Cannes 71. «3 Faces» di Jafar Panahi in concorso, viaggio nelle zone remote dell’Iran. Sempre assente dalla Croisette, il regista, gira «fuorilegge» ma nulla può contro il divieto di uscire dal paese

Una scena da «3 Faces» di Jafar Panahi

Una scena da «3 Faces» di Jafar Panahi

Tre volti, tre generazioni di attrici in Iran: Benhaz Jafari è una star di oggi, conosciuta e amata per i suoi personaggi nelle soap televisive, e prima anche interprete per l’allora giovanissima Samira Makhmalkbaf in Lavagne (2000); Marziyeh Rezaei non è un’attrice, Jafari Panahi l’ha incontrata per caso in strada convincendosi subito che sarebbe stata perfetta nel ruolo della ragazza aspirante attrice contro i voleri della famiglia; Sharzhad era invece una star del cinema iraniano prima della rivoluzione, danzatrice e cantante è stata poi messa al bando insieme a molti altri artisti del suo tempo come esempio di malcostume e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi