closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Nei campi contro la tratta, la filiera etica di No Cap

Il fatto della settimana. Nelle campagne del foggiano un progetto per dare lavoro e alloggio alle donne migranti, sottraendole al caporalato. I prodotti sul mercato con il marchio No Cap

Sprizza di felicità Jennifer (la chiameremo così), 32 anni, non sta ferma sulla sedia mentre ci racconta il suo progetto per il futuro: vuole far venire in Italia il suo bambino di 7 anni, che non vede da quando è parita dalla Nigeria nel 2016, adesso che ha un contratto di lavoro e una casa, la stabilità che le consentirà di ricongiungersi con il figlio. A Foggia è arrivata 2 anni fa, dopo lo sbarco in Sicilia, vari passaggi in diversi centri di accoglienza e infine lo Sprar di Candela. «A dicembre sarei dovuta andare via», racconta, «non avevo idea...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi