closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Negli Usa la questione delle case fomenta ancora fenomeni razzisti

Stati uniti. Come ha dichiarato Chrishelle Palay, avvocato per i diritti civili, «le istituzioni stanno di fatto contribuendo a conservare le divisioni razziali del paese»

Uno sguardo del quartiere Galleria, a Houston

Uno sguardo del quartiere Galleria, a Houston

Non solo i sociologi, ma anche una band come i Parliament, che in un brano del 1975 parlava di «Chocolate Cities and Vanilla Suburbs», hanno sottolineato come le norme contro la segregazione abitativa degli afroamericani più che trasformare le metropoli degli Usa ne abbiano modificato la polarità: quando i neri sono sbarcati in centro, il ceto medio bianco si è trasferito nelle periferie residenziali. UN FENOMENO INIZIATO nel periodo tra le due guerre mondiali, evidente dopo che nel 1968, all’indomani dell’assassinio di Martin Luther King, quando esplose la rabbia dei ghetti neri, Lyndon Johnson firmò gli ultimi atti della legge...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.