closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Negli imperdonabili frantumi dell’umano

TEMPI PRESENTI. Tra il 7 e il 12 novembre di 80 anni fa, la violenza della «notte dei cristalli». Le vittime del pogrom antisemita del Reich sono state 1500, insieme a ingenti distruzioni materiali

Se vi fu un anno spartiacque, infame per l’Europa intera ma soprattutto per le comunità ebraiche, questo fu senz’altro il 1938. In quei dodici mesi il progetto nazista di assoggettare l’intero Continente, attraverso la conquista militare di una parte di esso o comunque la costituzione di un’area egemonica diretta, iniziò ad assumere fisionomia e indirizzi sempre più chiari. A scorrere gli eventi di quei dodici mesi lo si può intendere con nettezza. Nel marzo, senza sparare un colpo, l’Austria veniva annessa al «Terzo Reich» diventando una provincia germanica. La propaganda nazista, nel mentre, batteva sempre più ossessivamente il tasto delle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi