closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

«Negare Srebrenica è reato». Scontro sulla memoria

Bosnia Erzegovina. Dopo la decisione dell'Alto rappresentante Onu

Bosnia

Bosnia

Nell’ufficio della procura in Bosnia-Erzegovina sono piovute ventidue denunce in dieci giorni, tutte contestano lo stesso reato: aver negato il genocidio di Srebrenica. La prima è stata sporta da Camil Durakovic, ex sindaco della cittadina, teatro della più aberrante pagina che sia mai stata scritta nella storia del secondo dopoguerra in Europa, contro Branimir Djuricic, giornalista dell’emittente pubblica della Republika Srpska (una delle due entità di cui è composta la Bosnia-Erzegovina, a maggioranza serba, ndr). Da appena un giorno era entrata in vigore nel Paese la modifica al codice penale voluta dall’Alto rappresentante dell’Onu, Valentin Inzko, che prevede la reclusione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.