closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Navi da guerra all’Egitto, l’ultimo regalo di Merkel

Germania. L’ex ministro Scholz, ora cancelliere, sapeva del business con Al-Sisi ma non avvertì i Verdi. Un segreto custodito dalla GroKo fino alle ultime ore della passata legislatura

Olaf Scholz e Annalena Baerbock

Olaf Scholz e Annalena Baerbock

Il regalo del governo Merkel al regime di Al-Sisi poco prima della fine del mandato: tre fregate costruite da Thyssenkrupp Marine Systems a Kiel e 16 batterie antiaeree prodotte da Diehl Defense nel Baden-Württemberg vendute al dittatore del Cairo all’insaputa del Parlamento. Deflagra a Berlino lo scandalo che investe direttamente Olaf Scholz dieci giorni dopo la sua elezione a cancelliere: come ministro delle Finanze della GroKo era perfettamente informato del business bellico fra Germania ed Egitto eppure si è guardato bene dal rivelarlo ai Verdi che avrebbero bloccato la transazione. «Una mossa calcolata politicamente» denuncia Agnieszka Brugger, deputata dei Grünen,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.