closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Naufragi nell’Egeo e nel mare libico. Centinaia di «dispersi»

Migranti. A un anno dal patto tra Erdogan e Ue, undici morti al largo della costa turca. In Libia, rinvenuti sei cadaveri sulla spiaggia. L’allarme di Proactiva: vicini ai corpi, i resti di due gommoni con la possibilità di «240 persone a bordo»

Il recupero dei corpi delle vittime del naufragio a Kusadasi, Turchia

Il recupero dei corpi delle vittime del naufragio a Kusadasi, Turchia

Proprio a un anno dal contestato accordo con il quale l’Unione europea concesse 6 miliardi di euro e aperture politiche alla Turchia a patto che Erdogan accogliesse i migranti giunti sulle isole greche, nel mare Egeo un barcone è naufragato provocando la morte di undici persone, al largo della località costiera turca di Kusadasi. Nove i superstiti recuperati in mare, mentre due migranti sono riusciti a raggiungere a nuoto la costa ma sono stati bloccati con l’accusa di essere gli scafisti. Le immagini delle tv turche hanno mostrato i corpi stesi sulla spiaggia e l’arrivo di numerose ambulanze. Si tratta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi