closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Naufraga la safe zone, il G7 cerca un «approccio allineato»

Si salva chi può. Il Consiglio di sicurezza Onu si piega al no dei turbanti neri. Josep Borrell propone l’istituzione di una «forza di reazione rapida» europea

Josep Borrell

Josep Borrell

I 15 paesi del Consiglio di sicurezza dell’Onu (5 permanenti, 10 a rotazione), riuniti via video, si limitano ad «attendere» che i talebani, che hanno vinto, «rispettino gli impegni» che hanno sottoscritto il 27 agosto. A poche ore dal ritiro degli statunitensi dall’Afghanistan, il Consiglio di sicurezza (ministri degli Esteri) deve piegarsi al rifiuto dei talebani e mette da parte il progetto di risoluzione franco-britannico che mirava a istituire una "safe zone", sotto controllo Onu, per permettere di proseguire con le operazioni umanitarie di evacuazione dopo il 31 agosto (che evidentemente avrebbero cambiato natura rispetto a quello che è successo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.