closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Natalia Ginzburg, la luce dal pozzo oscuro

NARRATIVA. «Un’assenza. Racconti, memorie, cronache 1933-1988» una raccolta della scrittrice italiana a cura di Domenico Scarpa che ha scelto di titolarla come il primo dei racconti autoriali datato luglio 1933

Datato «luglio 1933», Un’assenza è per dichiarazione autoriale il primo racconto portato a compimento dalla diciassettenne Natalia Ginzburg dopo vari tentativi. Ed è questo il titolo che il curatore Domenico Scarpa ha dato al volume Un’assenza. Racconti, memorie, cronache 1933-1988 (Einaudi, pp. 366, euro 18) nel quale vengono riuniti una quarantina di pezzi, per la maggior parte sparsi e mai raccolti prima, con inediti: il racconto Tradimento, la prima versione 1933 di Settembre e il frammento Nel pomeriggio del 9 settembre; inediti anche alcuni corposi e interessantissimi stralci di scritti riportati nella postfazione. Le due sezioni, «Racconti» e «Memorie e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi