closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Nadia Wassef, flânerie tra gli scaffali della libertà ritrovata

L'intervista. Parla l’autrice di «La libraia del Cairo», pubblicato da Garzanti. L’intellettuale e attivista egiziana presenta stasera al festival friulano l’emozionante epopea di Diwan. «Per i suoi frequentatori era un luogo votato all’amore per la cultura e per la lettura. Ed è una delle cose più belle delle librerie: sono spazi pubblici dove si svolgono ricerche private». «L’esito delle primavere arabe? Le rivoluzioni richiedono molto tempo. Dieci anni non sono niente nella storia di un Paese come l’Egitto che risale fino al 3150 avanti Cristo»

"Al Sitt and Her Sunglasses" di Huda Lufti, 2008

È una lettera d’amore ad una città e alla sua cultura quella che Nadia Wassef propone in La libraia del Cairo (Garzanti, pp. 236, euro 17, traduzione di Bianca Bernardi, l’appassionante memoir nel quale l’attivista e intellettuale egiziana, che vive da tempo a Londra, racconta come se si trattasse a un tempo di un personaggio letterario o di una donna in carne ed ossa - perché fondata insieme alla sorella e a un’amica e pensata come una sfida alla cultura patriarcale -, la storia della libreria Diwan, le cui vicende hanno accompagnato una stagione profondamente creativa della metropoli egiziana. Un’esperienza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.