closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Myanmar, un parlamento clandestino sfida la giunta militare

Dopo il golpe. La Lnd rinomina Aung San Suu Kyi consigliere di Stato. La piazza piange la prima vittima, una donna colpita da un proiettile

Poliziotti a Mandalay, Myanmar, presidiano una strada bloccata dai manifestanti durante una protesta contro il golpe militare

Poliziotti a Mandalay, Myanmar, presidiano una strada bloccata dai manifestanti durante una protesta contro il golpe militare

Mentre la piazza è entrata ieri nel quinto giorno consecutivo di protesta e ha celebrato la prima vittima del neo regime militare, colpita alla testa a Naypyidaw da un proiettile, un parlamento autoproclamato - basato sul voto di novembre e ovviamente clandestino - ha rinominato Daw Aung San Suu Kyi per un secondo mandato come Consigliere di Stato, sfidando la giunta che ha preso il potere il 1 febbraio. È LA LEGA NAZIONALE per la democrazia (Lnd) che, sebbene abbia i suoi leader in carcere, riconsegna il Paese alla Lady. Un parlamento de facto per una premier de facto, come...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi