closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Myanmar, scontri tra opposizione e sostenitori del golpe

Facebook blocca gli account dell'esercito. I militari sciolgono la Commissione elettorale. Giallo all’Asean per una mossa di Giacarta

Proteste a Yangoon

Proteste a Yangoon

Mentre sale il numero delle vittime uccise da polizia ed esercito in Myanmar, persone che in diversi casi non sarebbero morte se adeguatamente curate anziché trasferite negli ospedali militari, ieri sono scoppiati scontri tra oppositori e sostenitori del golpe a Yangon mentre Facebook ha rimosso tutti gli account collegati a Tatmadaw (l’esercito) e ha vietato gli annunci di società controllate dai militari sulle sue piattaforme. Si allunga dunque il numero dei decessi (otto secondo Assistance Association for Political Prisoners- Burma uccisi da forze dell’ordine o da miliziani) e le squadracce di «thugs» al soldo del regime, armate di bastoni, pietre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.