closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Musica e libertà (con voci di donna)

In una parola. La rubrica settimanale a cura di Alberto Leiss

Un allestimento del 2014

Un allestimento del 2014

Per un puro e felice caso ho visto e ascoltato domenica a Napoli la Lady Macbeth del distretto di Mtsensk di Shostakovich (leggi la recensione qui, ndr). La musica saliva forte e nitida sino al loggione dello splendido San Carlo, ben eseguita, ben cantata (da Elena Mikhailenko e dagli altri) e ben diretta da Juraj Valcuha. Me la godevo a teatro per la prima volta. E mi chiedevo che cosa di questo spettacolo avesse davvero irritato Stalin e i censori sovietici che - dopo due anni di successi in Urss e nelle capitali occidentali - nel ’36 fecero stroncare l’opera...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi