closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Murasaki Baby, un’eroina da amare

Game. Un videogioco che si muove tra visioni surreali e grottesche che rimandano ai lavori di Tim Burton e all'espressionismo tedesco degli anni Trenta. Un'intervista all'autore, Massimo Guarini

  C’è una strana bambina, con una bocca dai denti storti che le si apre sulla fronte e dei capelli che sembrano vermicelli sulla testa enorme che poggia su un corpicino esile. Non è mostruosa malgrado la sua curiosa anatomia, ma tenera e piccola, regge un palloncino a forma di cuore e apre un uscio che si spalanca sul panorama inquietante di una città violacea dagli edifici sbilenchi. Sembra sperduta, finchè il dito di un giocatore sfiora lo schermo della Ps Vita che separa quell’elettronico paese onirico dal nostro e la prende per mano, facendola ridere felice. Accompagneremo la bimba...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.