closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Fabbri (Msf): «In Libia per i migranti condizioni disumane»

Arrestiamo umani. Intervista a Tommaso Fabbri (Medici senza Frontiere)

«La Libia non è un paese sicuro». Arjan Hehenkamp, olandese, è uno dei direttori generali di Medici senza Frontiere ed è appena tornato da una missione in Libia, dove dal luglio scorso l’ong internazionale fornisce assistenza medica ai detenuti, stranieri e non, nei penitenziari di Tripoli e dintorni. Racconta di un Paese dove ancora «la legge e l’ordine sono al collasso», dove «le persone provenienti da paesi dell’Africa subsahariana sono arrestate e tenute in detenzione senza processo legale, senza alcun modo per opporsi o fare ricorso, e senza contatto con il mondo esterno». Le informazioni raccolte da Tommaso Fabbri -...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.